ciaspole-gommajoch4.jpg
Utia Vaciara ai piedi del Sass de Putia (scorri la gallery!)
ciaspole-gommajoch5.jpg
In fondo, si staglia l'inconfondibile sagoma delle Odle
ciaspole-gommajoch6.jpg
Panorama verso est, in vista della Croda Rossa
Alto Adige - Sud Tirol

Utia Vaciara e Gomajoch

IN BREVE
Partenza: Campill - Longiarù, 1500 mslm circa, oppure parcheggio oltre le case di Vì, a 1669 mslm
Arrivo: passo di Goma/Gomajoch, 2111 mslm
Difficoltà e pericoli: Da considerare con attenzione i pendii in quota, oltre Utia Vaciara. Verificare, comunque, sempre il bollettino valanghe.
Tempo di percorrenza: un paio d'ore per la salita.
Peccato per la chiusura dell'Utia Vaciara durante la stagione bianca: il percorso - a parte l'assenza di un punto d'appoggio - è ideale per i bambini. E' breve, ideale per quelli che camminano, con scarso dislivello, tranquilla ed immersa nella neve fresca, nella natura e vivacizzata dall'open-air museum che saprà catturare l'attenzione. Anche dei bambini trasportati nello zaino! Chi vuole può salire con uno slittino per vivacizzare la discesa!

E' facile ma lunga la salita al passo Gomajoch dal piccolo abitato di Longiarù, capoluogo di una stretta e quasi incontaminata vallata laterale della val Badia.
Partendo dalla chiesa del paese si prosegue lungo la strada - ripida e raramente innevata tanto da richiedere di indossare le ciaspole - fino a superare gli ultimi masi. Giunti a quota 1660 mslm - oltre le ultime "viles", quelle di - si presenta un bivio: si sale verso sinistra seguendo le tracce rosse presenti sugli alberi che si trovano a margine del tracciato.
Fino a questo punto è spesso possibile salire in auto, evitando così un tratto un po' monotono anche se impreziosito dal frequente incontro con l'edilizia più caratteristica del Sud Tirolo, appunto le "viles". Senza trascurare il gruppo Puez, a sud, a fare da sfondo.
Si ciaspola ora lungo un'ampia forestale fino ad uscire dal limite del bosco, ignorando le varie deviazioni laterali che conducono a masi isolati: in caso di recenti nevicate si dovrà tracciare intuendo la direzione della forestale. L'orientamento, comunque, non è difficile.
Da qualche anno, lungo questo tratto, si possono ammirare diverse opere in legno, una sorta di "open air museum" dell'artigianato locale.
Intorno a quota 2000 mslm, nei pressi della Utia Vaciara, si intravede il Gommajoch, chiuso tra due piccoli rilievi: tagliando un pendio in direzione nord si perviene sino ai 2111 metri del passo dove la vista si apre su tutte le Alpi confinali, la val di Eores e, verso est, sulle Dolomiti di Sesto e le Dolomiti di Fanes, in lontananza spicca la Croda Rossa.
Il gruppo Puez, verso sud, rimarrà invece in ombra come le Odle.

Clicca per aprire la mappa Kompass, da usare esclusivamente come riferimento. I percorsi invernali differiscono spesso da quelli estivi e vanno adattati alle condizioni oggettive (le mappe Kompass abitualmente indicano in azzurro la traccia invernale).

SUL WEB
E per quando la neve si scioglie.. su www.cicloweb.net trovi tante opportunità per camminare d'estate e pedalare tra sentieri, strade e piste ciclabili.
Qualche link per iniziare ad esplorare la val Badia, scrigno di tesori naturali e sorprese culturali.
- pedalate in val Badia;
- foto informazioni curiosità;
- passeggiate a Longiarù e dintorni

Condividi su  -