0000ciaspole-renon22 - Copia.jpg
Panorami dal Renon (scorri la gallery!)
043 - Alta quota tra Renon e Villandro.JPG
Dal Corno di Renon verso nord
045 - Alta quota a nord del Corno di Renon.JPG
Dal Corno di Renon verso nord
046 - Alta quota a nord del Corno di Renon.JPG
Dal Corno di Renon verso nord
055 - Attorno alla Sella dei Sentieri.JPG
Neve fresca attorno alla Sella dei Sentieri
061 - Attorno alla Sella dei Sentieri.JPG
Neve fresca attorno alla Sella dei Sentieri
070 - Attorno alla Sella dei Sentieri.JPG
Neve fresca attorno alla Sella dei Sentieri
101 - Attorno alla Sella dei Sentieri.JPG
Neve fresca attorno alla Sella dei Sentieri
108 - Traccia verso le Odle.JPG
Traccia verso .. le Odle
109 - Traccia verso Sassolungo e Sassopiatto.JPG
Traccia verso.. Sassolungo e Sassopiatto
ciaspole-renon21.jpg
ciaspole-renon22.jpg
Attorno alla Sella dei Sentieri, tanta neve e tante suggestioni panoramiche
ciaspole-renon24.jpg
ciaspole-renon37.JPG
Dalla vetta del Corno di Renon
ciaspole-renon38.JPG
Dalla vetta del Corno di Renon
Alto Adige - Sud Tirol

Corno del Renon

IN BREVE
Partenza: malga Gasser, 1774 mslm
Arrivo: Corno del Renon, 2270 mslm
Tempi di percorrenza: quasi tre ore per la salita, meno di due ore per la discesa
Difficoltà e pericoli: Percorso relativamente sicuro salvo situazioni eccezionali. Verificare con i gestori della malga e le guide. Consultare sempre i bollettini.


E' lunga quanto panoramica l'ascesa al Corno del Renon dall'Alpe di Villandro. Una traccia forestale solitamente ben battuta prende quota con moderazione, snodandosi sulle pendici settentrionali della montagna, affacciandosi su orizzonti quasi sterminati che propongono vette slanciate come il Sassolungo ed il vicino Sassopiatto, montagne più "tozze" come il Sass de Putia, il profilo seghettato delle Odle e, verso nord, le Alpi confinali, generalmente imbiancate da copiose nevicate.
Si arriva a malga Gasser, 1774 mslm, dopo una serie di innumerevoli tornanti che prendono quota da Chiusa, in val d'Isarco, e poi da Villandro. Lasciata l'auto (o scesi dall'autobus) si inizia a salire, con moderazione, sulla traccia che parte proprio dalla staccionata della malga, accanto al bacino artificiale.
Il primo punto intermedio è malga Mair in Plun, a poco più di 1850 mslm: la si lascia sulla sinistra, proseguendo verso sud, verso il profilo del Corno del Renon. Su pendenze sempre modeste si continua a camminare su un'ampia traccia: si ignorano le segnaletiche estive (Corno del Renon 1h20') che guiderebbero verso il sentiero, un utile taglio tra i mughi d'estate, ma una pericolosa digressione d'inverno. Appena dopo questo cartello un bivio: la traccia da seguire disegna un tornante e prosegue verso destra, lasciando sulla sinistra una diramazione verso un'altra baita.
Pochi minuti dopo, in campo sempre più aperto, si arriva alla Sella dei Sentieri - Gasteiger Sattel: qui si intuisce il percorso di avvicinamento alla vetta che si fa progressivamente più impegnativo.
Costeggiando un muretto che divide gli alpeggi del Renon da quelli di Villandro, sfiorando malghe e baite ed affacciandosi su un panorama sempre più ampio ed avvincente si risale il crinale fino alla meta.
La discesa avviene lungo l'itinerario di salita.

SUL WEB
E per quando la neve si scioglie.. su www.cicloweb.net trovi tante opportunità per camminare d'estate e pedalare tra sentieri, strade e piste ciclabili.
Qualche link per iniziare ad esplorare la val d'Isarco ed i suoi dintorni, a due passi dal Renon.
- pedalate in val d'Isarco;
- foto informazioni curiosità sulla val d'Isarco;
- passeggiate in montagna

Condividi su  -