ciaspole-sesto1.jpg
Le Tre Cime di Lavaredo, un profilo unico al mondo (scorri la gallery!)
ciaspole-sesto10.jpg
Addentrandosi in val Fiscalina
ciaspole-sesto11.JPG
In marcia verso il rifugio Locatelli (chiuso in inverno)
ciaspole-sesto12.JPG
Si ciaspola. A sinistra, in fondo, la torre di Toblin
ciaspole-sesto2.jpg
Torre di Toblin dalla vetta del Sasso di Sesto
ciaspole-sesto3.jpg
Profili dolomitici salendo nella valle di Sassovecchio
ciaspole-sesto6.JPG
Torre di Toblin dal Sasso di Sesto
ciaspole-sesto7.JPG
Ammirando le Dolomiti
ciaspole-sesto8.JPG
Ai piedi della Torre di Toblin, quasi in vetta al Sasso di Sesto
ciaspole-sesto9.JPG
Monte Paterno
Alto Adige - Sud Tirol

Alle Tre Cime di Lavaredo

IN BREVE
Partenza: piano Fiscalino, 1450 mslm
Arrivo: Sasso di Sesto, 2513 mslm, o appena sotto, rifugio Locatelli, 2450 mslm (chiuso d'inverno)
Tempo di percorrenza: in mezz'ora al rifugio di Fondovalle; in 2h30'-3h al rifugio Locatelli o al Sasso di Sesto.
Difficoltà e pericoli: Poche preoccupazioni fino al rifugio di Fondovalle. Più attenzione va posta nell'attraversamento della valle di Sasso Vecchio ed anche oltre: dai pendii superiori potrebbero scendere scariche di neve fresca. Consultare i bollettini e chiedere informazioni alle locali guide alpine.
Con i bambini ci si può limitare a fare su e giù per il piano Fiscalino: lo scenario è grandioso, i rifugi sono aperti e l'abbondanza di neve fresca dovrebbe garantire divertimento e, per chi sa già camminare bene, anche l'opportunità di provare le ciaspole per la prima volta!


Si parte dal parcheggio a pagamento nei pressi dell'Hotel Dolomiti (località Piano Fiscalino, 1450 mslm), nel cuore della val Fiscalina, laterale che si addentra verso le Dolomiti nei pressi di Moso (Sesto Pusteria). Qui, di solito, si calzano le ciaspole e si percorre l'ampia traccia forestale che si insinua nella vallata, a due passi dall'anello per lo sci di fondo. Possibile un taglio nel bosco, lungo una traccia più stretta e diretta.
Giunti al rifugio di Fondovalle (1540 mslm) si inizia a salire. Le indicazioni (segnavia 102) mostrano la via (si ricalca il sentiero estivo) verso il rifugio Locatelli, posto qualche decina di metri sotto la meta della ciaspolata, il Sasso di Sesto (2513 mslm).
Si tratta di un percorso battuto da sci alpinisti e ciaspolatori, quindi non dovrebbe essere difficile trovare una traccia ben mercata: attenzione a seguire la più ampia via di salita, ignorando le deviazioni verso sud che di solito sono frequentate dagli scialpinisti.
Ad ogni modo, lasciato alle spalle lo splendido bosco di conifere del fondovalle, soleggiato ed aperto, ci si addentra nella stretta valle di Sasso Vecchio stando sempre sulla sinistra orografica, più sicura.
Si risalgono principalmente due ripide balze rocciose: la prima, più lunga e spesso in ombra, eleva di svariate decine di metri; la seconda più breve e soleggiata supera un minor dislivello nei pressi di una suggestiva cascata ghiacciata.
Inutile descrivere il crescendo di panorami di cui si gode soprattutto usciti dal bosco. Superati gli ultimi dislivelli zig-zagando nella neve fresca si raggiunge uno spettacolare pianoro d'alta quota dove la neve nasconde un paio di laghetti: poco più avanti, il rifugio Locatelli marca il passo di Toblin mentre la vicina torre di Toblin domina il panorama.
Pian piano spuntano le sagome delle Tre Cime di Lavaredo: giunti a due passi dal rifugio si piega a destra e si risale il docile pendio che porta in vetta al Sasso di Sesto. Grandioso lo scenario che si presenta: vista a 360 gradi, ogni direzione emoziona e fissa nella memoria vedute indimenticabili.
La discesa avviene sull'itinerario di salita.

Clicca per aprire la mappa Kompass (stralcio da 58 Dolomiti di Sesto), da usare esclusivamente come riferimento. I percorsi invernali differiscono spesso da quelli estivi e vanno adattati alle condizioni oggettive (le mappe Kompass abitualmente indicano in azzurro la traccia invernale).

SUI LIBRI
Questo percorso è uno dei trentatré itinerari più belli delle Alpi proposti dal libro "Ciaspole! L'inverno in neve fresca", disponibile cliccando sul sito www.vividolomiti.it oppure in libreria. Non solo foto ed itinerari ma anche la possibilità di dialogare con l'autore per dettagli e curiosità sui percorsi proposti.

SUL WEB
E per quando la neve si scioglie.. su www.cicloweb.net trovi tante opportunità per camminare d'estate e pedalare tra sentieri, strade e piste ciclabili.
Qualche link per iniziare ad esplorare la val Pusteria ed i suoi dintorni.
- pedalate in alta Pusteria;
- foto informazioni curiosità su Dobbiaco, San Candido, Sesto e le Tre Cime di Lavaredo;
- passeggiate in montagna tra Tre Cime di Lavaredo, Tre Scarperi e non solo

Condividi su  -