ciaspole-montanara0.jpg
Vista dal rifugio La Montanara (scorri la gallery!)
ciaspole-montanara2.jpg
Senza parole: le Dolomiti di Brenta dal rifugio La Montanara
ciaspole-montanara3.jpg
Tra le Dolomiti di Brenta spicca il Campanile Basso
Trentino

Rifugio La Montanara

IN BREVE
Partenza: parcheggio Valbiole, 1100 mslm, oppure Molveno, 860 mslm
Arrivo: rifugio la Montanara, 1525 mslm (tel. 0461/1851538, verificare l'apertura invernale)
Difficoltà e pericoli: Itinerario pressochè sicuro salvo circostanze particolari.
Tempo di percorrenza: circa un'ora da Valbiole (Andalo), quasi due ore da Molveno.
Escursione breve, verso un rifugio aperto: si può proporre a famiglie con bambini, in particolare partendo da Valbiole. I bimbi che già camminano faticheranno per poco tempo mentre i più piccoli pesaranno poco nello zaino dei genitori dato il modesto dislivello ed il breve sviluppo. All'arrivo il parco giochi, sepolto dalla neve, potrebbe comunque regalare un manto di neve fresca in cui giocare!


Due sono le varianti per raggiungere il rifugio La Montanara.
La più veloce ed agevole parte dal parcheggio Valbiole (1100 mslm, appena fuori Andalo, attenzione ai divieti di transito ed alle multe!) e percorre l’ex pista di sci senza timore di sbagliar strada. Si supera la Baita Pineta e le pendenze aumentano fino a raggiungere il panoramico rifugio.

Una via senz’altro più impegnativa ma anche più gratificante parte da Molveno, caratteristico borgo affacciato sull'omonimo lago. Si prende la stradina che sale verso alcune case a partire dalla stazione a valle della funivia per Pradel (via Belvedere) fino ad incrociare le indicazioni per Baita Alpina e rifugio La Montanara.
Si continua a salire, finalmente sulla neve, addentrandosi in un bel bosco di conifere. Ignorando i vari sentieri che si aprono sulla sinistra (che conducono sempre verso l’obiettivo finale, ma che durante l’inverno risultano difficilmente praticabili) si perviene ad un bivio dove si inizia a salire verso sinistra, ormai prossimi alla meta, seguendo un'ampia traccia.
E’ una ciaspolata piacevole, tra piccole radure e fitti boschi, che culmina con l’arrivo al pianoro dove il rifugio si affaccia sulle Dolomiti di Brenta. La sagoma del Campanile Basso è la più curiosa di tutte le straordinarie vette abbracciate dallo sguardo!
Per la discesa si può optare per una saltellata sulle ripide piste da sci (fino al 2019 spesso chiuse) che scendono in località Pradel dove poi, seguendo le indicazioni, ci si riporta sul percorso di andata.

Clicca per aprire la mappa Kompass (stralcio da K73 Gruppo di Brenta), da usare esclusivamente come riferimento. I percorsi invernali differiscono spesso da quelli estivi e vanno adattati alle condizioni oggettive (le mappe Kompass abitualmente indicano in azzurro la traccia invernale).

SUI LIBRI
Questo percorso è uno dei trentatrè itinerari più belli delle Alpi proposti dal libro "Ciaspole! L'inverno in neve fresca", disponibile cliccando sul sito www.vividolomiti.it oppure in libreria. Non solo foto ed itinerari ma anche la possibilità di dialogare con l'autore per dettagli e curiosità sui percorsi proposti.
E' stato anche scelto come una tra le 52 proposte (una per ogni weekend nei 12 mesi dell'anno) contenute in "52-12 un anno di weekend lontani dai luoghi comuni", una serie di pedalate, passeggiate, ciaspolate ma anche meno faticose visite a parchi, castelli e borghi segreti. 52 idee per rendere indimenticabile ogni weekend dell'anno! Il libro è disponibile sul sito www.amazon.it

SUL WEB
E per quando la neve si scioglie.. su www.cicloweb.net trovi tante opportunità per camminare d'estate e pedalare tra sentieri, strade e piste ciclabili.
Qualche link per iniziare ad esplorare i dintorni di Molveno e di Andalo, tra le Dolomiti di Brenta e la Paganella.
- pedalate tra Andalo, Fai e Molveno;
- foto informazioni curiosità;
- passeggiate in Trentino

Condividi su  -