0ciaspole-fiume20.jpg
Il Pelmo, vero protagonista dalla salita al Città di Fiume (scorri la gallery!)
ciaspole-fiume1.jpg
Malga Fiorentina, poco oltre metà della salita: un panorama aperto verso la Marmolada ed il gruppo Sella
ciaspole-fiume10.jpg
La traccia verso forcella Puina, con le Rocchette sullo sfondo
ciaspole-fiume11.jpg
Spunta il Cristallo
ciaspole-fiume12.jpg
Cristallo da forcella Puina
ciaspole-fiume13.jpg
Antelao
ciaspole-fiume14.jpg
Le Rocchette
ciaspole-fiume15.jpg
Forcella Puina: il Cristallo
ciaspole-fiume16.JPG
Antelao
ciaspole-fiume17.jpg
Quasi mille metri sotto: San Vito di Cadore e la valle del Boite
ciaspole-fiume18.JPG
Ancora il Cristallo
ciaspole-fiume19.jpg
Le Rocchette
ciaspole-fiume2.jpg
Comodamente, sull'ampia traccia per il rifugio Città di Fiume
ciaspole-fiume3.jpg
Relax soleggiato al rifugio
ciaspole-fiume4.jpg
Civetta a dominio del panorama verso sud
ciaspole-fiume5.jpg
Becco di Mezzodì, sotto s'intravede malga Prendera
ciaspole-fiume6.jpg
Rocchette e Becco di Mezzodì
ciaspole-fiume7.jpg
La Croda da Lago spunta da forcella di Col Duro mentre a destra domina la scena il Becco di Mezzodì
ciaspole-fiume8.jpg
Attenzione: in caso di recenti nevicate, può scendere qualche slavina dopo il Città di Fiume
ciaspole-fiume9.jpg
Traccia verso forcella Puina
Veneto

Rifugio Città di Fiume

Partenza ed arrivo: dal km 140 della SS251 (1634 mslm) al rifugio Città di Fiume (1917 mslm) ed eventualmente a forcella Puina (2034 mslm) o oltre
Tempo: 35' al rifugio, 1h alla forcella
Tipologia e difficoltà: lineare, E-WT1 fino al rifugio, E-WT3 fino a E-WT4 oltre
Dislivello: 280 metri al rifugio, 400 alla forcella Puina
Segnavia di riferimento: CAI 467

Il rifugio Città di Fiume è facilmente accessibile dalla val Fiorentina: una passeggiata di mezz'ora abbondante, lungo una pista quasi sempre tracciata che rende questo rifugio - peraltro spesso aperto durante l'inverno - la meta ideale per chi vuole iniziare a ciaspolare. E magari divertirsi scendendo con uno slittino.
Alla pista forestale - che ricalca lo sterrato di accesso estivo - si affiancano alcune divertenti digressioni in neve fresca, tagli nel bosco di sicuro divertimento. Il tutto accompagnato da un incredibile panorama sul Pelmo, che incombe su ogni passo, e sul Civetta, poco più distante. Facilissimo orientarsi: da due parcheggi in prossimità del km 140 della statale, poco sotto forcella Staulanza, si seguono senza dubbio o indugio le indicazioni.

Interessante, per chi ha più padronanza e conoscenza, proseguire oltre: forcella Puina è uno straordinario punto panoramico a mezz'ora di distanza dal rifugio. Vi si accede risalendo il pendio a nord del Città di Fiume e proseguendo poi a mezza costa in un rado bosco di larici ed abeti. Si segue, in sostanza, la traccia del 467 estivo. Giunti alla forcella lo sguardo si apre verso la valle del Boite, dominata da Cristallo ed Antelao (più lontano spiccano anche altre vette dolomitiche del Cadore), mentre a nord si dispongono le vette del gruppo Rocchette - Becco di Mezzodì. A ovest, la Marmolada

Una ciaspolata davvero facile ma estremamente gratificante! Attenzione oltre il rifugio: in caso di recenti e significative nevicate, i pendii ad est possono scaricare spontaneamente sulla traccia. Verificare con il gestore se è possibile proseguire.

Per rendere difficile l'escursione, verificate le condizioni del manto nevoso, si può proseguire ancora oltre: si possono mettere nel mirino malga Prendera, forcella Col Duro e eventualmente il pianoro di Mondeval. Per arrivare fino a qui, però, occorrono allenamento e capacità di valutazione della situazione nivometeorologica.

SUL WEB
E per quando la neve si scioglie.. su www.cicloweb.net trovi tante opportunità per camminare d'estate e pedalare tra sentieri, strade e piste ciclabili.
Qualche link per iniziare ad esplorare la montagna veneta, da Cortina d'Ampezzo al Cadore, da Sappada al Comelico, dal Civetta alle Tre Cime di Lavaredo
- pedalate in Veneto;
- foto informazioni curiosità sulla montagna veneta;
- passeggiate in montagna

Condividi su  -