ciaspole-piana1.jpg
Un'insolita vista sulle Tre Cime di Lavaredo (scorri la gallery!)
ciaspole-piana2.jpg
Malghe isolate, con vista sulle Dolomiti di Sesto
ciaspole-piana3.jpg
I Cadini di Misurina
Veneto

Monte Piana

IN BREVE
Partenza: lago di Misurina - lago di Antorno, partenza skilift, 1750 mslm
Arrivo: monte Piana, 2325 mslm (tel. Rifugio Bosi 0435/39034 per verificare l'eventuale apertura)
Tempo di percorrenza: 1h45' per il rifugio Bosi, 30' per la vetta del Monte Piana. Discesa 20' al rifugio Bosi e un'ora abbondante per il rientro a Misurina. Più veloce una slittinata dal rifugio!
Difficoltà e pericoli: Percorso ritenuto sicuro salvo situazioni eccezionali da verificare con i gestori del rifugio.
La slittinata è davvero accattivante per i bambini. Tuttavia bisogna considerare il discreto dislivello da superare sia per i genitori con i bambini nello zaino sia per i più grandicelli che eventualmente volessero salire a piedi. Si può eventualmente provare ad alternare la ciaspolata in salita con qualche passaggio sullo slittino!

Impossibile perdersi salendo al rifugio Bosi e sulla vicina vetta del monte Piana, monumento alla Patria perché teatro di sanguinosi scontri durante la Prima Guerra Mondiale. Si può, invece, perdere la pazienza se si incappa in una di quelle giornate in cui le motoslitte circolano troppo frequenti: è consigliabile, ove possibile, scegliere un giorno feriale o partire presto al mattino, affrontando la montagna nella situazione di quiete e tranquillità che essa merita.
Si parte dai dintorni di Misurina: salendo verso il lago di Antorno si notano subito le evidenti indicazioni per un parcheggio alla base dello skilift e per le gite con slittini e motoslitte.
La discesa in slittino, per chi farà la fatica di trascinarlo fino in vetta, merita davvero!
La salita parte morbida sulla sinistra delle case poste appena sopra il parcheggio: un'evidente traccia prende quota nel bosco.
Si procede verso nord passando sotto lo skilift ed osservando un primo panorama sulla Croda Rossa. Le indicazioni sono frequenti e guidano bene: si presenta, infatti, un bivio in cui si può scegliere di abbandonare la traccia battuta per addentrarsi nel bosco, tagliando così alcune centinaia di metri.
Dopo circa un'ora dalla partenza si è alla base del monte Piana che si risale su una faticosa traccia battuta. Una manciata di tornanti apre le porte del rifugio Bosi, a 2255 metri di quota. Da qui, in mezz'ora, si guadagna la vetta del monte Piana, caratterizzata, come detto, da ampi panorami ma anche da tracce della Grande Guerra. Prestando attenzione alle trincee ed ai crateri dovuti a mine e granate (mai abbandonare i tracciati battuti per non rischiare di cadere) si può dunque visitare questo luogo "sacro alla Patria" che, durante l'inverno, rimane però solo parzialmente accessibile visto che le principali testimonianze sono sepolte da decine di centimetri di neve.
I panorami sono eccezionali: il monte Paterno, le Tre Cime di Lavaredo, i Cadini di Misurina, il Cristallino, la vista immensa che si apre verso nord sono difficili da descrivere e sono la ricompensa per questa impegnativa ciaspolata!
 

Clicca per aprire la mappa Kompass, da usare esclusivamente come riferimento. I percorsi invernali differiscono spesso da quelli estivi e vanno adattati alle condizioni oggettive (le mappe Kompass abitualmente indicano in azzurro la traccia invernale).

SUL WEB
E per quando la neve si scioglie.. su www.cicloweb.net trovi tante opportunità per camminare d'estate e pedalare tra sentieri, strade e piste ciclabili.
Qualche link per iniziare ad esplorare la montagna veneta, da Cortina d'Ampezzo al Cadore, da Sappada al Comelico, dal Civetta alle Tre Cime di Lavaredo
- pedalate in Veneto;
- foto informazioni curiosità sulla montagna veneta;
- passeggiate in montagna
 

UN'IDEA PER UN SOGGIORNO DI QUALITA': HOTEL MONTANA
Corso Italia, 94
32043 Cortina d'Ampezzo BL
Telefono: 0436.860498
Fax 0436.868211
montana@cortina-hotel.com
L'Hotel Montana è un meublé situato in posizione centralissima lungo l'isola pedonale di Corso Italia a Cortina d'Ampezzo vicino agli impianti di risalita ed ai maggiori impianti sportivi. L'albergo offre sala colazioni con vista sul corso, sala tv con videogiochi e videoteca. Dispone inoltre di parcheggio privato e di deposito sci attrezzato con tavolo per sciolinatura professionale.
L'Hotel Montana nasce come edificio intorno al 1927. Le prime grosse modifiche ed ampliamenti si hanno nel 1937, quando il fienile e la stalla che facevano parte della casa antistante, che funzionava come dipendenza dell' Hotel Cortina, vennero demoliti per ampliare notevolmente la dipendenza. Dal 1949, quando l'immobile iniziò a funzionare come Hotel Montana vennero eseguiti altri lavori. Gestito fino al 1989 dalla famiglia Apollonio, da circa trent'anni è passato alla famiglia Lorenzi.
Oggi conta 45 posti letto distribuiti in 30 camere, ciascuna con bagno privato, telefono con chiamata diretta e televisione. Ricche colazioni sono servite a buffet o direttamente in camera con il nostro curato room-services.
http://www.cortina-hotel.com

 

Condividi su  -