Itinerario del giorno

Rifugi Miryam e Margaroli
Piemonte

Rifugi Miryam e Margaroli

in val Vannino, una laterale della val Formazza

IN BREVE
Partenza: Canza, 1419 mslm
Arrivo: rifugio Miryam (www.rifugiomiryam.org - 0324/63154), 2050 mslm, oppure il rifugio Margaroli, 2194 mslm (0324/63155, solo whatsapp 328/9040431)
Difficoltà e pericoli: possibilità di scariche spontanee prima e dopo località Sagersboden (in modo particolare). Verificare con i gestori del rifugio oppure con le guide locali. Si sottolinea che il rifugio è l'unico delle Alpi Lepontine e del Verbano Cusio Ossola ad essere gestito da una guida in attività. Si tratta di Cecilia Cova, una delle poche donne in Italia a svolgere il ruolo di guida alpina. Il rifugio Miryam ha periodi di apertura in inverno, mentre è più tardiva (di solito) l'apertura del rifugio Margaroli.
Tempi di percorrenza indicativi: un'ora e un quarto da Canza al Sagersboden, un'ulteriore mezz'ora abbondante fino al rifugio Miryam. Altri quaranta minuti, con traccia battuta, fino al lago del Vannino ed al rifugio Margaroli.

Il rifugio Miryam è situato nel cuore della val Vannino,...

Continua a leggere...

Ultima News

Le espolorazioni di Julius Payer
News

Le espolorazioni di Julius Payer

un prestigioso volume a cura di Grafo Edizioni

Julius Payer
Brenta, Adamello, Ortles – esplorazioni alpinistiche 1864-68
Grafo edizioni

Julius Payer è un nome che, anche agli appassionati di montagna, purtroppo dirà poco salvo che abbiano frequentato la val Genova, in Trentino, o l’altoatesina Solda. Già, perché in val Genova al Payer è dedicato un osservatorio glaciologico che, tristemente, rileva ogni anno l’arretramento dei ghiacciai del gruppo dell’Adamello mentre nelle vallate ai piedi dell’Ortles si trovano hotel a lui dedicati e soprattutto l’omonimo rifugio, posto appena oltre i tremila metri di altitudine, sulla via normale per la vetta dell’Ortles.

Ma insomma chi è Julius Payer?

Di origine boema, nacque a Schonau nel 1841 e morì a Veldes nel 1915. In vita fu un luogotenente dell’esercito austroungarico: combattè, con onore, nelle battaglie di Custoza e Solferino nell’ambito della Seconda Guerra di Indipendenza italiana.  Nel corso di una licenza si dedicò all’esplorazione delle montagne che cingono la val Rendena ad...

Continua a leggere...