Itinerario del giorno

Malga Prantner
Alto Adige - Sud Tirol

Malga Prantner

facile ciaspolata in val d'Isarco, con un affaccio sul Tribulaun di Fleres

IN BREVE
Partenza: fine della strada, poco oltre Braunhof (frazione Smuders), 1450 mslm
Arrivo: malga Prantner, 1800 mslm
Difficoltà e pericoli: un canalone appena prima della malga, monitorato durante l'apertura della stessa.
Tempo di percorrenza: circa un'ora.

Non è difficile la salita a malga Prantner (Prantneralm in tedesco) e non è nemmeno lunga: risulta quindi ideale per chi desidera faticare poco e per chi, magari, accompagna neofiti e bambini. Seguendo la  traccia battuta, poi, le ciaspole potrebbero anche risultare superflue: dal nostro punto di vista, però, è sempre bene utilizzare questo strumento che anche sulla neve battuta garantisce più stabilità e una progressione più efficace.

Solo un punto è a rischio valanghe: proprio a due passi dalla malga un canalone potrebbe scaricare sul percorso ma la situazione è presidiata ed è in caso di pericolo - a quanto pare - l'accesso verrebbe negato (lampeggiante e transenna).

Si parte dai dintorni di Smudres, frazione agreste...

Continua a leggere...

Ultima News

Le espolorazioni di Julius Payer
News

Le espolorazioni di Julius Payer

un prestigioso volume a cura di Grafo Edizioni

Julius Payer
Brenta, Adamello, Ortles – esplorazioni alpinistiche 1864-68
Grafo edizioni

Julius Payer è un nome che, anche agli appassionati di montagna, purtroppo dirà poco salvo che abbiano frequentato la val Genova, in Trentino, o l’altoatesina Solda. Già, perché in val Genova al Payer è dedicato un osservatorio glaciologico che, tristemente, rileva ogni anno l’arretramento dei ghiacciai del gruppo dell’Adamello mentre nelle vallate ai piedi dell’Ortles si trovano hotel a lui dedicati e soprattutto l’omonimo rifugio, posto appena oltre i tremila metri di altitudine, sulla via normale per la vetta dell’Ortles.

Ma insomma chi è Julius Payer?

Di origine boema, nacque a Schonau nel 1841 e morì a Veldes nel 1915. In vita fu un luogotenente dell’esercito austroungarico: combattè, con onore, nelle battaglie di Custoza e Solferino nell’ambito della Seconda Guerra di Indipendenza italiana.  Nel corso di una licenza si dedicò all’esplorazione delle montagne che cingono la val Rendena ad...

Continua a leggere...